Header di esempio copiacerchio_1-01

Un aiuto concreto alla persona e al manager

“Il compito più difficile nella vita è quello di cambiare se stessi.”

(Nelson Mandela)

PERCHÈ QUESTO TEMA È PRIORITARIO?

Perché sebbene tutti a parole dicano di apprezzare il cambiamento, nei fatti si osservano difficoltà a cambiare, sofferenza, lentezza e vischiosità.

Nei prossimi anni abbiamo davanti a noi una sfida epocale per passare dall’era analogica ad una nuova era realmente digitale che coinvolgerà tutte le imprese: la loro offerta, il modello di business, l’ organizzazione, la logistica, il customer service…

L’emergenza COVID ha fatto aprire gli occhi a tutti, anche ai più scettici: i modello di business analogici vanno velocemente rielaborati. L’emergenza è stata un acceleratore dei comportamenti dei clienti, e questo ha accelerato la necessità di cambiare.

CAMBIARE

Per essere attori del cambiamento proponiamo un modello manageriale in tre fasi:

Cerchietti22_CHAT copia

1

Capire il cambiamento

Cerchietti20_CHAT copia 11

2

Cambiare partendo da sé stessi

Cerchietti copia_CHAT copia 2

3

Guidare il cambiamento degli altri e dell’organizzazione

Il primo passo, quello cognitivo.

Capire il cambiamento significa capirne le logiche, comprendere i meccanismi fisiologici, psicologici, antropologi e sociali. Da questo punto di vista hanno importanza le prospettive antropologica, storica, della chimica e fisica dell’uomo ed in particolare del suo cervello.

Solo CONOSCENDO si può comprendere il perché cambiare sia così faticoso e doloroso. Per questo crediamo sia importante partire dalla conoscenza.

Solo conoscendo possiamo accettare e spiegare la nostra avversità naturale al cambiamento. È un primo passo verso la consapevolezza necessaria per accettare e modificare atteggiamenti e comportamenti naturali, spesso non consci, di avversione al cambiamento in noi e negli altri.

Paper heads and disorder brain, world mental health day, Alzheimer and Psychology concept
Old way or new way with young woman looking upwards

Il secondo passo è quello di avviare il cambiamento partendo da sé stessi. Fare un punto nave di sé, sia professionale che personale, capire le proprie motivazioni a cambiare, gli eventuali blocchi, il livello delle proprie capacità per essere attore del cambiamento.

Dapprima è necessario che ciascuno abbia ben presente cosa c’è nella sua “valigia” del cambiamento: quale atteggiamento reale ha nei confronti del cambiamento, quali esperienze e come hanno influito sul suo reale atteggiamento? Come rimuovere le barriere? Quale comportamenti ciascuno deve correggere per diventare attore del cambiamento?

Ciascuno deve riuscire ad uscire dalla propria rappresentazione che appare considerata l’unica percorribile. Vogliamo aprire una prospettiva di nuove strade cambiando il punto di vista e inquadrando cosa serve per intraprendere nuovi percorsi, quali risorse, quali capacità sono necessarie.

Il terzo passo  quello di apprendere i meccanismi per guidare il cambiamento degli altri. Migliorare le capacità per quello influenzare le persone verso il cambiamento e quelle necessarie per guidare i cambiamenti delle organizzazioni complesse e strutturate come le aziende.

  • Come rimuovere negli altri i blocchi, come motivare gli individui e i team a cambiare?
  • Cosa mettere in campo per influenzare in modo sostanziale e concreto il mio team o la mia intera organizzazione?
  • Quali sono le fasi da seguire per arrivare al successo in un processo di cambiamento?
internet net and data digital concept

USCIRE DAGLI SCHEMI

La nostra proposta da un punto di vista metodologico vuole centrare tre obiettivi:

Cerchiettimappa_CHAT copia 12

1.

Uscire dagli schemi, in modo che lo stesso percorso formativo proposto sia una metafora del cambiamento, un cambiamento vissuto attraverso esperienze nuove, d’impatto che facilitano la comprensione di cosa serve per cambiare.

Cerchietti copia 2_CHAT copia 13

2.

Superare il più possibile il limite di tempo che tutti abbiamo, con una proposta il più possibile flessibile.

Cerchietti_mano_CHAT copia

3.

Fare leva sullo scambio di esperienze e il confronto fra i partecipanti che è uno dei valori aggiunti dei percorsi manageriali.

COME

Proponiamo tre moduli di due giornate (se on line anche 4 mezze giornate) per gruppi piccoli e flessibili di 4/5 persone.

Il primo modulo  dedicato a CAPIRE IL CAMBIAMENTO, il secondo a CAMBIARE PARTENDO DA SÉ STESSI, l’ultimo a come GUIDARE IL CAMBIAMENTO.

I piccoli gruppi ci permettono di avere massimo impatto infatti le singole storie individuali sono molto importanti e, contemporaneamente, maggiore flessibilità nella gestione delle agende, limitando l’impatto di eventuali assenze.

Proponiamo inoltre due attività esperienziali di una giornata ciascuna.

La prima attività aiuta a scavare in profondità ed una giornata di “rappresentazione” teatrale del cambiamento tramite il metodo dell’Actor’s Studio. Il metodo utilizzato dai più famosi e talentuosi attori cinematografici.

La seconda giornata è una esperienza in cui si partecipa al racconto di storie di cambiamento di persone che hanno avuto nella propria vita un’unica scelta spesso drammatica senza apparenti vie d’uscita, ma che alla fine con l’aiuto di qualcuno sono riuscite ad uscire da un destino che sembrava immutabile.

Storie di persone che hanno avuto in passato problemi  con la giustizia o con un passato difficile per altre cause… Dalle loro storie vogliamo capire come si fa a cambiare quando cambiare sembra impossibile.

photo-of-people-holding-each-other-s-hands-3184423

CONTENUTO DEI 3 MODULI

Primo Modulo

CAPIRE IL CAMBIAMENTO

2 Giornate

  • Perché siamo ancora homo sapiens
  • Come funzione il nostro cervello
  • Abitudini e sopravvivenza
  • Perché siamo avversi al cambiamento
  • Aspetti fisici, psicologici indotti dai cambiamenti
  • Come cambiare il cervello e la propria vita
  • La meditazione per cambiare il cervello
  • Regolare le proprie emozioni
pexels-alexas-fotos-2277784

Secondo Modulo

CAMBIARE PARTENDO DA SÉ STESSI

2 Giornate

  • Valutazione dei propri atteggiamenti verso il cambiamento tramite strumenti individuale di analisi.
  • Il cambiamento “anonimo”, le proprie storie di avversione e difficoltà nel cambiare condivise con il team e con il coach
  • Ristrutturare la propria visione – cambiare possibile
  • Quali passi intraprendere per modificare il proprio punto di vista sul cambiamento
  • Cambiare, un’opportunità di empowerment personale
  • Cambiare, successi condivisi: risorse, capacità e percorsi, come replicare.
  • La stella polare del cambiamento
Businessman with a lot of work to do meditating in office

Terzo Modulo

GUIDARE IL CAMBIAMENTO

2 Giornate

  • Una storia di cambiamento, un caso emblematico
  • I sette passi per guidare il cambiamento
  • Capacità di influenza e cambiamento
  • Creare consenso ed entusiasmo
  • Superare i blocchi organizzativi
  • Mettere il turbo al cambiamento
  • Come cambiare senza distruggere l’esistente – storie di start up innovative

Ciascun modulo di due giornate è progettato secondo le logiche dell’ active learning con metodo induttivo, esperienze, testimonianze, simulazioni e riflessioni.

Group of business people stacking wooden gears top view. Teamwork concept

Quarto Modulo

ATTIVITÀ ESPERIENZIALE: IL TEATRO DEL CAMBIAMENTO

1 Giornata in presenza

Il Metodo usato all’Actor’s Studio e applicato in ambito formativo consegna ai partecipanti strumenti validi su cui costruire la propria carriera, la propria personale leadership.

Strumenti che consentono, a partire dalla consapevolezza di chi siamo e non di chi vorremmo essere, di riconoscere l’origine dei nostri ostacoli e trasformarli in risorse, nel nostro caso rivolte al cambiamento.

Nella vita come nell’arte, per essere credibili, bisogna innanzitutto credere, e per ottenere una credibilità scenica l’attore si affida a degli esercizi fisici e sensoriali. Il lavoro sul corpo, il linguaggio non verbale, deve comunicare con precisione le sensazioni interiori attraverso la fusione di corpo-pensiero-azione. L’espressione emotiva diventa quindi, attraverso una tecnica, espressione cognitiva, assertiva. Selezionando gli esercizi che un attore ha a disposizione tra i tanti sviluppati da Lee Strasberg, si offrirà un’esperienza utile e affascinante anche a persone che non devono calcare le scene, ma devono ampliare il loro bagaglio di strumenti personali.

Una giornata che utilizza il metodo dei più grandi attori  è l’opportunità per i partecipanti di sperimentare il cambiamento tramite la “rappresentazione teatrale” che fa vivere in prima persona non solo le logiche, ma soprattutto le emozioni che le trasformazioni importanti provocano nella vita di ciascuno.

Con un attore professionista e un coach una giornata di intensa emozione.

  • Introduzione al metodo
  • Esercizi di rappresentazione
  • Il cambiamento come trasformazione
  • Rappresentiamo il cambiamento
  • Emozioni vissute
  • L’energia del cambiamento
multicultural actors and actresses rehearsing with scripts on stage in theatre

Quinto Modulo

ATTIVITÀ ESPERIENZIALE: STORIE DI CAMBIAMENTO

1 Giornata

Quando sembra che nulla può mutare nasce la scintilla del cambiamento.

Storie di cambiamenti intensi e drammatici.

Una giornata a contatto con chi dal cambiamento ha avuto un’opportunità di riscatto. Nuove vite che dimostrano che nulla è immodificabile.

  • Storie di cambiamento
  • Testimonianze
  • Come uscire dai tunnel delle abitudini
  • Risorse ed energia per cambiare
Male finger pushing letter C to replace the G in a Change word in conceptual image. Over pink background with copy space.

Per cambiare bisogna capire il cambiamento

Per cambiare bisogna partire da sé stessi

Per guidare il cambiamento adottiamo le strategie delle startup di successo

Un corso innovativo con insegnamenti pratici e facilmente adottabili

Richiedi informazioni

© 2016 - Stra-Le - P.IVA 05489040963 - via Carlo Pisacane 34/A - 20129 Milano (Mi) - tel. +39 02 8969.6062 - cel. +39 393 0616442